Hai mai pensato di avere un compagno di coccole?

massaggio yoni tantra
Massaggio Yoni: il tantra per la donna
10/20/2020
come sedurre uomo
Piccole regole su come sedurre un uomo
12/15/2020
compagno di coccole igor gigolo

È giunto il momento di sentirsi meno soli e di avere un compagno di coccole per far passare più serenamente le tue giornate.

Negli ultimi mesi, causa pandemia, è mancato a tutti vedere una persona diversa dai nostri familiari, se si è soli è mancato proprio stare in compagnia di qualcuno che ci coccoli e ci faccia distrarre.

Il distanziamento sociale ha accentuato il desiderio di intimità e di coccole. E ora che andiamo incontro all’inverno sentiremo ancora di più l’esigenza di un abbraccio e del calore umano. Siamo nella cuffin season, la stagione del divano, coperta e serie tv da condividere con qualcuno, ma quel qualcuno non c’è.

Ed è per questo che condivido pienamente la decisione del Belgio di istituire un amico di coccole per chi si sente solo.

Come nasce l’idea del compagno di coccole

Durante il lockdown i single sono stati molti penalizzati dal distanziamento sociale e dalle restrizioni. Le app d’incontro come Tinder, anche se virtualmente, non sono bastate e non bastano ad attenuare la sofferenza emotiva. Il contatto umano è fondamentale per tutti.

Per alleviare la solitudine dei propri cittadini, il Belgio ha istituito il «knuffelcontact», ovvero il compagno di coccole: le famiglie ne hanno diritto a uno, i single ne hanno a disposizione due, ma da invitare separatamente.

Naturalmente, prima di qualsiasi incontro, è necessario accertarsi che nessuno abbia contratto il virus per evitare la diffusione del contagio. Ed è preferibile avere sempre lo stesso compagno di coccole.

A maggio l’Olanda aveva invitato i cittadini a trovarsi un amico di letto (seksbuddy) per il sesso in sicurezza. In Inghilterra, invece, dopo la fase delle restrizioni maggiori, è stata concessa la bolla di sostegno (support bubble) ovvero chi vive da solo può ospitare in casa una persona non convivente.

Perché avere un compagno di coccole?

Il compagno di coccole serve a combattere la solitudine. L’isolamento non fa bene a nessuno, per chi vive da solo complica ancora di più ogni situazione: amplifica la sofferenza, peggiora situazioni già difficili, incide sulla psiche in generale.

Privare ogni persona di uno spazio esterno che può essere un caffè al solito bar, una chiacchiera con un collega, il consueto aperitivo, etc. etc., crea disagio alla persona stessa.

Nessuno è abituato a stare da solo, anche se si vive in casa da soli, siamo abituati a relazionarci con gli altri. L’isolamento sociale è un fattore di rischio rispetto alle malattie mentali, fisiche e alla depressione.

Cosa dicono gli studi in merito alla conseguenza del lockdown

Diversi studi eseguiti da specialisti in psicologia, dimostrano che, dal primo lockdown e successive restrizioni, sono aumentati i livelli di ansia e depressione dovuti allo stress. La percentuale maggiore è nelle donne. Ahimè.

Il problema non è limitato al contatto fisico ma proprio alla presenza fisica di qualcuno che stia lì a farci compagnia e che si prenda cura di noi con un abbraccio, una carezza, una parola amica, un sorriso. Queste stimolazioni, agendo sulla nostra memoria sensoriale, donano benefici emotivi.

Altro fattore che incide sul nostro stato emotivo, durante l’isolamento, è il non poter vivere la nostra sessualità liberamente e senza costrizioni. Per questo motivo chi non ha un compagno di vita, deve avere la possibilità di scegliere qualcuno con cui condividere la propria intimità in sicurezza.

Secondo la mia personale opinione da uomo amico delle donne, in questa circostanza di disagio, che tutti stiamo affrontando in egual misura, un compagno di coccole deve essere visto come un toccasana per il proprio benessere. Ecco perché ogni donna dovrebbe averne uno.

In Italia si può avere l’amico di coccole?

Qui in Italia la situazione è un po’ diversa rispetto agli altri Paesi, tante concessioni non sono ammesse: anche se viene accertato di non avere il coronavirus non si possono ancora incontrare persone a noi non conviventi.

Io però sono già pronto a nuove esperienze e ad essere il vostro Gigolò compagno di coccole non appena sarà data la possibilità di incontrarci.

Ricordate che un amico di coccole può essere di aiuto per riacquisire certezze perse in questo momento di forte fragilità emotiva.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.