Bondage: la trasgressione per aumentare il piacere sessuale

cosa è un gigolo cosa fa intervista dolcemente complicate manuela lucchini
Gigolò e accompagnatore per donne: il mio racconto a Dolcemente Complicate
06/09/2020
masturbazione fa bene
Masturbazione: tutto quello che c’è da sapere sull’autoerotismo
06/19/2020
bondage sessualità cosa è come si fa

Il sesso è un’arte spesso inespressa, molti non ne godono a pieno. E il bondage può aiutare a soddisfare desideri inappagati, curiosità nascoste e fantasie insoddisfatte. Con le pratiche sadomaso, la coppia riesce a instaurare un’intima intesa.

Abbinare il sesso alla costrizione, usare strumenti BDSM nel rispetto delle regole, non è pericoloso ma fa sentire più appagati delle tradizionali pratiche sessuali. Diversi studi in materia dimostrano che chi fa sesso bondage, si presenta come una persona dal carattere meno nevrotico e più aperto alla vita quotidiana.

Il bondage fa bene e vi spiego perché.

Bondage: significato e che cos’ è

La parola bondage significa letteralmente schiavitù. Nel mondo erotico, il termine viene adoperato per indicare una schiavitù di tipo sessuale basato sul bendaggio, o meglio sulla costrizione fisica attraverso la legatura con corde, foulard, cinture, fasce. Il tutto è finalizzato a provare un piacere diverso e fuori dagli schemi.

Il bondage non è violenza, non è una perversione sessuale, ma solo libero arbitrio alla fantasia sessuale. È una delle tecniche BDSM (Bondage, Dominazione, Sadismo, Masochismo) basate sul dolore, la dominazione, la sottomissione e l’umiliazione. C’è chi le pratica tutte e chi invece si limita al soft bondage dove può bastare anche solo una cravatta per scatenare la passione e divertirsi.

È fondamentale che tra i partner ci sia reciproca consensualità e libertà di scegliere quando mettere fine al gioco. A questo proposito esiste una parola d’ordine tra la coppia, che viene pronunciata per finire il gioco quando le tecniche bondage diventano troppo dolorose e viene a mancare di conseguenza anche il piacere e l’eccitazione.

Anche se il bondage è considerato sesso violento, è difficile che si raggiunga un livello alto di masochismo e sadomasochismo. Però devo dire che ci sono coppie consenzienti, abbastanza perverse sia mentalmente che sessualmente, che si spingono molto oltre fino a praticare il mature bondage.

Bondage giapponese

Il bondage ha origini orientali, è un’arte giapponese antichissima, che prende il nome di Shibari (significa legare), utilizzata in cerimonie religiose per simboleggiare il legame tra umano e divino. I samurai invece la utilizzavano come tecnica di prigionia: tramite corde di canapa e iuta immobilizzavano mani e piedi dei prigionieri, con legature impossibili da sciogliere.

La differenza tra il bondage occidentale e lo shibari sta nel modo diverso di eseguire le legature e nel tipo di materiale delle corde utilizzate. Il risultato è molto estetico e quasi artistico.

Anche per lo shibari, parliamo di una vera e propria disciplina con una sua filosofia che si allontana dal tradizionale gioco sessuale. È fondamentale riuscire a creare tra la coppia un contatto molto intimo e sexy.

Le pratiche BDSM

Con BDSM si identifica una vasta gamma di pratiche erotiche basate su giochi di potere e costrizione. Questi giochi erotici sono principalmente basati su tecniche di limitazione dei movimenti del corpo. Le pratiche sadomaso non vengono utilizzate solo per il piacere sessuale ma anche per il benessere psico-fisico delle parti coinvolte.

Spesso, infatti, più che l’orgasmo si vuole raggiungere un piacere mentale. Ecco perché molte persone si sentono appagate quando da dominatori infliggono la sottomissione al proprio partner.

Pinze, puddle, fruste, costrittivi di vario genere, maschere, cinture di castità, electro sex, la gabbia sadomaso, la macchina per il bondage, il letto con cinghie regolabili, sono tutti strumenti BDSM che procurano piacere.

Oggetti sadomaso usati per la pratica del bondage

Quando si pratica il bondage, oltre al consenso e al rispetto reciproco, ci sono degli strumenti sadomaso da utilizzare, alcuni sono molto specifici: pinze per i capezzoli, frustino bondage, manette con l’asta centrale che mantengono in sospensione la persona sottomessa, gabbia per il pene, moschettoni, bavagli, corsetti.

È un errore, dunque, pensare che per questi giochi erotici bastino i comuni sex toys per scatenare la vostra fantasia.

Agli strumenti erotici si affiancano delle tecniche precise di dominazione e sottomissione, per poter limitare i movimenti del corpo:

• separazione e/o divaricazione di parti del corpo
• collegamento di braccia e piedi con oggetti esterni, muri o sostegni
• sospensione del corpo a soffitti o sostegni
• restrizione forzata dei movimenti del corpo
• immobilizzazione totale del corpo, detta anche mummificazione

Le pratiche sono quelle più svariate e non sono ammesse indecisione o scuse. Si parte con il semplice ubbidire a qualche capriccio del dominatore, si passa poi all’uso degli strumenti bondage per finire con parole molto spinte ed offese nel momento del rapporto sessuale.

L’obiettivo è quello di dare sfogo a tutte le forme di dominazione possibili e di aumentare l’eccitazione. Il fine ultimo è quello di sentirsi totalmente appagati.

In quale film bondage ti riconosci?

Quando parliamo di film bondage non dobbiamo pensare solo a 50 Sfumature di Grigio, Rosso e Nero. La stanza dei giochi erotici di Mr. Grey ha ispirato tanti e ha portato un ritorno generale alle pratiche sadomaso, ma ciò che accade in questi tre film è solo una parte dei reali racconti bondage.

Ci sono altri film che hanno segnato la storia del cinema in materia come:
Bella di Giorno di Luis Buñuel con Catherine Deneuve in veste sadomaso
Il portiere di notte di Liliana Cavani, con Charlotte Rampling è la storia tra amore ed erotismo di una coppia, secondo una precisa chiave di lettura psicanalitica.
Luna di fiele di Roman Polanski racconta dinamiche sadomaso
L’Impero dei sensi di Nagisa Oshima dove tutto è molto esplicito, senza veli
Crash di David Cronenberg
The Duke of Burgundy di Peter Strickland è un chiaro di lesbian bondage
Legami! di Pedro Almodovar racconta il sesso in tutte le sue dinamiche e sfaccettature
Ultimo tango a Parigi di Bernardo Bertolucci considerato dalla critica come il film più erotico e liberatorio mai girato fino ad allora.
Le 120 giornate di Sodomia di Pier Paolo Pasolini dove il collegamento tra sesso, potere e ideologia fascista costituiscono la base del film.
Secretary di Steven Shainberg è una divertente apologia del BDSM e un invito alle donne a sentirsi più libere sessualmente

Popcorn alla mano e buona visione!

Giochi sadomaso per una sessualità di coppia felice

Le coppie stanche del sesso coniugale dovrebbero sperimentare il bondage, perché è stuzzicante e in alcuni casi migliora la comunicazione nella relazione. Fare bondage allevia le tensioni quotidiane, provoca una sorta di stato alterato di coscienza e mente, è un po’ come quello che succede quando si pratica dello yoga. Il sesso da bendati o con le braccia immobilizzate è eccitante e va provato.

Se non si è particolarmente predisposti al BDSM, il soft bondage è sufficiente per stimolare un rapporto senza più verve. Improvvisate tanto e lasciatevi trasportare dalla passione, dall’immaginazione e dall’inaspettato.

I kit bondage non sono necessari se la vostra è semplice curiosità o piccola trasgressione. Con una cravatta o un foulard si può fare del buon bondage casalingo, e una volta legati mani e piedi del partner datevi da fare! Infatti, non è tanto il tipo di attrezzo che si usa, ma la sensazione che si prova. Essere totalmente nelle mani del partner è sessualmente eccitante.

Ricordate di essere complici in questo gioco, altrimenti diventa solo una spiacevole esperienza. Impostate il sesso bondage sulla fiducia e la voglia reciproca di giocare.

Alle coppie che stanno a digiuno di queste pratiche consiglio di documentarsi anche con qualche video bondage e/o tutorial. Non cimentatevi nel self bondage, può essere pericoloso se si sbagliano le pratiche.

Come fare bondage se sei single

Ai single dico di evitare assolutamente il bondage con partner occasionali o che non si conoscono bene. Ricordatevi che deve esserci consenso, rispetto e fiducia. Proponetelo a persone che frequentate, conoscete e che abbiano le vostre stesse intenzioni.

E non accettato di farlo con sconosciuti, qualcuno potrebbe riprendervi o fotografarvi. Il rischio è quello di finire in rete su canali di bondage tube, dove sono presenti naturalmente bondage foto e bondage video dimostrativi.

Cosa penso del bondage

Il bondage come tutte le altre tecniche sadomasochistiche, va praticato in maniera sicura e consensuale. Parliamo di una pratica che può essere anche estrema, quindi ritengo che bisogna sapere ogni cosa del proprio partner e di questa disciplina, prima di metterla in pratica. L’inesperienza porta comunque a dei rischi.

Conoscere bene le tecniche bondage fa in modo che questo gioco erotico di costrizione sia realmente piacevole, evitando così di subire traumi psicologici o infortuni fisici.

Non sono un esperto delle pratiche di dominazione, però pratico del soft bondage con alcune clienti che lo richiedono. Utilizzo oggetti comuni tipo cravatta, foulard, cintura, intima.

Alla base di tutto, ad ogni modo, c’è il dialogo. Capire cosa piace al nostro partner è essenziale.

Hai mai praticato del bondage? Rispondi al sondaggio anonimo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.